Play the game: la Gran Bretagna e la nascita dello sport moderno

Siete alla ricerca di un’idea coinvolgente per un lesson plan incentrato sul mondo dello sport? Volete sviluppare le abilità di produzione scritta ed orale dei vostri studenti ma allo stesso tempo proporre una lezione d’inglese divertente e creativa?

Vi presentiamo in questo articolo un lesson plan dedicato alla nascita dello sport moderno con un approfondimento dedicato ad un importante fenomeno culturale relativo all’Inghilterra Vittoriana.

Step 1: L’epoca vittoriana, le principali componenti culturali e sociali

Prima di andare ad analizzare il fenomeno della nascita dello sport moderno è necessario presentare il contesto storico e culturale relativo all’epoca vittoriana. L’insegnante, quindi, potrà svolgere una presentazione sviluppando i seguenti punti:

  • Il contesto storico: l’epoca vittoriana, caratteristiche e fatti storici principali.
  • Il contesto culturale: definire le principali caratteristiche culturali e sociali di quest’epoca, mettendo in luce i contrasti tra le diverse classi sociali e il divario tra i ruoli.
  • Approfondimenti legati alle scoperte scientifiche e tecnologiche, ai luoghi di divertimento e di intrattenimento nella Londra Vittoriana.
  • Aspetti culturali e cenni ai principali autori della letteratura del periodo.

Step 2: La nascita dello sport moderno

La nascita dello sport moderno avviene nel contesto della società industriale alla fine dell’Ottocento. La progressiva diffusione delle macchine e dei ritmi lavorativi introdotti nel mondo del lavoro portano a ridefinire il rapporto tra le persone e il loro tempo libero. Il concetto di “intrattenimento” o “divertimento” acquista rilevanza sociale e porta alla diffusione di libri, riviste, alla nascita del cinema e della radio. In questo contesto di fermento culturale anche lo sport subisce una profonda accelerazione.

In un’Inghilterra che andava sempre più verso attività lavorative svolte con l’utilizzo di macchine, lo sport veniva visto come una “attività educativa” con regole più o meno semplici, limiti di tempo e spazio, la nascita del concetto di “lavoro di squadra”.

I principali Sport già esistenti come ad esempio il calcio e il rugby vennero riformati, adattati e diffusi nelle scuole.

Il football

Il football, da non confondere con il football americano, è l’equivalente del nostro “calcio” ed è lo sport più famoso nel Regno Unito: segue il tradizionale sistema di campionato ed è composto da più di cento squadre. La Premier League è la massima serie del campionato calcistico inglese ed è composta dalle squadre più importanti di tutto il Regno Unito: Manchester United, Arsenal e Liverpool per citarne alcune. La Football Association federazione calcistica inglese, è uno dei più antichi organi del calcio britannico. FA Cup e Capital One Cup sono i due trofei calcistici più famosi del Regno Unito.

Il cricket

Il cricket è un altro degli sport inglesi più conosciuti e praticati e la sua nascita risale ai primi anni del 1800. Alle origini, solo gli ufficiali dell’esercito e gli alti funzionari giocavano a cricket nel tempo libero. Ci sono più di 20 grandi club di cricket nel Regno Unito. Il campionato nazionale di prima classe del Regno Unito è il più antico campionato di cricket al mondo.

Il rugby

Inizialmente solo le persone di ceto elevato giocavano a rugby, ma con il crescere della sua popolarità, sempre più persone hanno iniziato a partecipare attivamente a quello che è uno degli sport più amati e seguiti.

Attività didattica proposta

Sulla base di quanto proposto finora come introduzione a questo argomento, di seguito alcune attività da svolgere in classe. Tali attività possono essere messe in pratica seguendo diverse strategie e metodologie didattiche. Si può scegliere una sola attività e farla svolgere a tutta la classe, in modo individuale o in cooperative learning, oppure, in alternativa, potrebbe essere interessante, dividere la classe in gruppi ed assegnare ad ogni gruppo un’attività diversa in modo da diversificare il lavoro e renderlo più ricco e vario.

In tutti i casi, qualsiasi strategia si decida di applicare, la restituzione avverrà secondo due modalità:

  • Produzione scritta di un elaborato di media lunghezza che tenga conto della consegna e nel quale vengano inserite correttamente tutte le informazioni richieste. L’insegnante valuterà la correttezza ortografica, grammaticale, la capacità di rielaborazione, la creatività e la pertinenza dei contenuti.
  • Produzione orale di una presentazione che tenga conto della consegna e consista in un “talk” di media lunghezza che presenti le informazioni richieste con correttezza. L’insegnante valuterà la pronuncia, la correttezza grammaticale e delle strutture linguistiche utilizzate, la capacità di rielaborazione, la creatività e la pertinenza dei contenuti.

Per quanto riguarda la valutazione oltre agli obiettivi indicati nei punti precedenti e strettamente attinenti alla materia, l’insegnante dovrà valutare le seguenti competenze:

  • Competenze digitali
  • Competenza di base in tecnologia
  • Competenze sociali
  • Consapevolezza ed espressione culturale
  • Competenze sociali e civiche

Activity 1: In collaborazione con il docente di Educazione motoria, scrivi in inglese il regolamento del tuo sport preferito tra i 3 citati sopra.

Activity 2: In collaborazione con il docente di storia e geografia, scrivi in inglese una breve storia del tuo sport preferito tra i 3 citati sopra. Indica fatti, luoghi e personaggi storici e inserisci alcune curiosità o episodi di particolare rilevanza.

Activity 3: In collaborazione con l’insegnante di educazione musicale, raccogli informazioni sugli inni delle principali squadre e approfondisci come la musica interviene a supporto di una squadra.

Activity 4: Fai una ricerca, con l’ausilio dell’insegnante di tecnologia, sui principali stadi inglesi nei quali si svolgono gli sporti citati sopra. Puoi riprodurre graficamente un progetto vero e proprio, indicando con termini specifici in lingua inglese le parti e le sezioni che contraddistinguono questi edifici.

Activity 5: questa attività è strettamente legata alla precedente. Organizza un tour in Inghilterra che preveda la visita dei principali stadi inglesi.

Activity 6: Inventa un nuovo sport, crea un regolamento, spiega in quale luogo si pratica, con quali strumenti e dove si svolgeranno le partite. Quindi crea una squadra, dalle un nome, inventa dei termini per indicare i ruoli dei giocatori, disegna l’uniforme e scegli i colori e lo stemma che la contraddistinguano. Poi, presenta la tua proposta alla classe e confrontala con quella dei tuoi compagni.

Step 3: “The English game”

The English Game” è la famosa serie Netflix che racconta la nascita del calcio moderno. Narra la storia di James Walsh, proprietario della fabbrica tessile di Darwen e del Darwen FC, che decide di pagare segretamente due calciatori scozzesi, Fergus Suter e Jimmy Love, per rinforzare la squadra in vista dei quarti di finale della FA Cup 1879. Gli avversari sono gli Old Etonians, una squadra composta da gentiluomini dell’alta borghesia londinese e capitanata da Arthur Kinnaird.

Un’idea interessante potrebbe essere quella di vedere alcuni passaggi di questa serie in classe in lingua originale, poiché rappresenta un documento accattivante e ben fatto che può intervenire a supporto di una lezione dedicata alla nascita dello sport moderno.

Le attività didattiche che si possono svolgere sono tra le più svariate e accattivanti, di seguito ne propongo alcune.

Activity 1 – L’intervista

Immagina di essere un giornalista dell’epoca e di intervistare Fergus Sutter. Scrivi un articolo, dagli un titolo, indica su quale testata giornalistica dell’epoca verrà pubblicato.

Activity 2 – Il compito di realtà

Immagina di organizzare un torneo o una partita di calcio nella tua scuola a scopo benefico. Crea un regolamento, inventa un nome per ogni squadra, occupati di creare le maglie, ideare uno stemma e comporre un inno. Non dimenticare di specificare a quale ente benefico donerai il ricavato della partita e motiva la tua scelta.

Step 4: Frasi idiomatiche e lessico utile

Quest’ultimo step chiude questo percorso dedicato allo sport, puntando sul linguaggio e sulle principali frasi idiomatiche che spesso vengono utilizzate quotidianamente e talvolta impiegate anche in altri ambiti.

Verbi da ricordare

To sign up: iscriversi in palestra o presso un’altra associazione sportiva.

To work out: allenarsi per aumentare la massa muscolare, migliorare la salute e tonificare i muscoli.

To work off: smaltire facendo esercizio fisico.

To take up: iniziare un nuovo hobby o sport.

To get (back) into shape: ritornare in forma.

To work up a sweat: allenarsi intensamente.

To join in: entrare in gioco, prendere parte a un’attività o a una partita.

To try out: fare un provino per una squadra o provare un’attività sportiva.

Espressioni idiomatiche da conoscere

He’s (she’s) got a sweet left foot : Ha un dolce piede sinistro! Espressione che indica che il giocatore è particolarmente dotato.

We were robbed!: Espressione che indica disappunto per un intervento disciplinare ritenuto ingiusto.

He ran the defence ragged!: detto di un attaccante che ha giocato talmente bene da far apparire incompetenti i difensori della squadra avversaria.

Back of the net!: Goal!

Man on!: Espressione di incitamento che mette in guardia il giocatore quando qualcuno alle spalle.

Lessico utile

Coach: allenatore;

Centreforward: centravanti;

Referee: arbitro;

Midfielder: centrocampista;

Officials: arbitro e guardalinee;

Manager: commissario tecnico;

Substitute: riserva:

Defender: difensore;

Opponent: avversario;

Player: giocatore;

Top scorer: cannoniere;

Assistant referee: guardalinee;

Captain: capitano;

Marker: marcatore;

To caution: ammonire;

To kick: dare un calcio;

Attack: attacco;

Save: parata;

To score an autogoal: fare un autogoal;

To beat: battere;

Penalty kick: rigore;

To foul someone: commettere fallo su qualcuno;

 

Francesca Tamani

È docente di lingua inglese e francese presso la scuola secondaria “ A. Chieppi” di Parma. Referente e docente per le certificazioni Esol University of Cambridge e Trinity College e per le certificazioni Delf con Alliance Francaise. Ha collaborato alla stesura del testo “Make it” per la scuola secondaria con Cambridge University Press. Fa parte di un gruppo di lavoro Miur “Orientamente” che cura la didattica per l’orientamento e la progettazione di strumenti didattici. Ha curato l’introduzione della didattica Clil come referente per le lingue all’interno di un progetto verticale.

INVIAMI NOTIZIE E OFFERTE MLA
Iscriviti alle e-mail per ricevere notizie e offerte speciali