Sir Arthur Conan Doyle: a tour guide sulle orme di Sherlock Holmes

Sir Arthur Conan Doyle: a tour guide sulle orme di Sherlock Holmes

Terminata la scuola, inizia il così tanto atteso periodo estivo, caratterizzato da partenze per interessantissimi viaggi studio in tutto il mondo.

Questo lesson plan ha come scopo quello di fornire una guida turistica sulle tracce di Arthur Conan Doyle e del suo personaggio più famoso: Sherlock Holmes, fornendo così uno spunto per eventuali escursioni e luoghi di interesse da visitare tra Scozia e Inghilterra.

Clil geography: England and Scotland

Il lesson plan che andrò ad illustrare ha come tema conduttore, oltre che la figura di Arthur Conan Doyle, i luoghi e le città nelle quali egli visse e che fecero da sfondo alle avventure dei suoi personaggi. Per questo motivo trovo importante affrontare un approfondimento legato alla geografia dell’Inghilterra e della Scozia. Questo approfondimento dovrà toccare gli aspetti geografici e quelli legati alla civiltà dei due paesi con particolare attenzione alle città di Londra ed Edimburgo.

A seconda della classe che si ha di fronte sono possibili vari tagli ed attività, dalla semplice ricerca di immagini con le didascalie dei luoghi ad una didattica più approfondita e ampia.

The English style and vintage detective collection

Tipologie di attività

  • Lezione con metodologia Clil. L’insegnante presenta l’argomento secondo la metodologia clil prevedendo spiegazione e verifica scritta o orale in lingua
  • Cooperative learning: la classe a gruppi ricerca informazioni relative a determinati luoghi o aspetti della geografia del paese o della città che viene assegnata. Al termine di questo lavoro di ricerca avverrà una esposizione orale di restituzione davanti alla classe.
  • Traduzione L’insegnante propone un testo corredato da immagini contenete tutte le informazioni necessarie e insieme agli studenti svolgerà la lettura e la tradizione di esso. In alternativa potrà chiedere agli studenti di svolgere l’attività di traduzione in classe a piccoli gruppi oppure a casa individualmente e in autonomia.
  • Mind maps se il tempo a disposizione è limitato sarà possibile creare delle mappe molto schematiche per fissare i principali luoghi o città e le loro caratteristiche, Questa attività può essere svolta indifferentemente a casa o a scuola a seconda delle esigenze e degli obiettivi.
  • Compito di realtà: creare una guida turistica. Gli alunni dovranno creare una guida turistica dei luoghi indicati dall’insegnante svolgendo un compito di realtà nel rispetto delle competenze digitali e di cittadinanza richieste.

  I tempi

Capire come e quando inserire all’interno del lesson plan questa fase di geography spetta all’insegnante a seconda degli obiettivi che desidera raggiungere:

Proposte:

  • Prima dello step 1 Affrontare l’attività di geography all’inizio del lesson plan significa fornire una base di conoscenze tali da poter comprendere meglio il percorso successivo che si snoda attorno ai luoghi legati allo scrittore.
  • Insieme allo Step 3 Inserire la lezione di geography nello step 3 significa affrontare insieme la geografia e il percorso dedicato ai luoghi iconici legati alla vita privata e all’opera di A. C. Doyle. In questo caso l’attività del compito di realtà risulterebbe più completa e ricca potendo inserire nella guida turistica anche i luoghi citati e dedicare all’interno di essa un vero e proprio percorso.

Silhouette of Sherlock Holmes statue, London, England

Step 1 Arthur Conan Doyle

 Il primo step prevede la presentazione dell’autore e dei fatti principali legati alla sua vita e alla sua opera

«Steel true

Blade Straight

Arthur Conan Doyle

Knight

Patriot, physician & man of letters»

Nacque in Scozia il 22 maggio 1859, ad Edimburgo, al numero 11 di Picardy Place. Suo padre Charles Altamont Doyle era inglese, la madre Mary Foley irlandese. Il cognome composto lo prese dallo Michael Conan, noto giornalista dell’epoca. I suoi studi più importanti proseguirono presso lo Stonyhurst Jesuit College, scuola cattolica di Clitheroe, passando dall’Austria, in un collegio gesuita e infine all’Università di Edimburgo dal 1876, dove si laureò in Medicina e Chirurgia nel 1881.

Suoi professori di medicina furono Joseph Lister, professore di chirurgia e il dottor Joseph Bell, di cui divenne, prima di laurearsi, anche assistente per un breve periodo. Il brillante e freddo dottor Bell, con il suo metodo scientifico e le sue abilità deduttive, gli ispirò in seguito il fortunato personaggio di Holmes che ha così, almeno nelle origini, un legame con il thriller medico.

Aprì, con scarso successo, uno studio medico nel Southsea: fu proprio in questo periodo che Doyle cominciò a scrivere le avventure di Holmes, che così iniziarono ad avere un discreto successo. Il primo romanzo fu Uno studio in rosso, del 1887. A questa prima opera fece seguito Il segno dei quattro (1890), opera che gli valse enorme successo. Ricordiamo però, che la famosissima frase “Elementare, Watson!” non viene mai pronunciata nelle sue storie. Doyle è stato colto da un improvviso attacco cardiaco mentre si trovava nella sua casa in campagna a Windlesham, Crowborough, il 7 luglio 1930, a 71 anni. Le sue ultime parole, rivolte alla moglie, furono: «Sei meravigliosa, moglie mia». La sua sepoltura è a Minstead nel New Forest, Hampshire, presso il cimitero parrocchiale di tutti i santi.

Magnifying glass over footsteps

Step 2 La nascita del romanzo giallo

Nel 1841 Edgar Allan Poe pubblica “I delitti della via Morgue”. In esso compare il personaggio dell’investigatore Auguste Dupin che riesce a risolvere i crimini senza neppure recarsi sul luogo del delitto mediante le sue enormi capacità deduttive.

Il personaggio di Dupin, quindi, diventa un modello al quale si ispireranno quasi tutti i più importanti autori del genere: il più celebre sarà, appunto, Sherlock Holmes di Arthur Conan Doyle.

Gli investigatori letterari del periodo classico (Hercule Poirot e Miss Marple di , Philo Vance di S. S. Van Dine, Ellery Queen) hanno moltissimi elementi in comune con Sherlock Holmes:

  • sono tutti deduttori,  analizzano indizi apparentemente marginali
  • L’indagine si basa sull’analisi dei segni e delle tracce lasciate nel luogo del delitto
  • Tutti gli investigatori dell’epoca classica indagano non per dovere, né per mestiere, e spesso neanche per denaro, ma per pura vanità intellettuale

 All’inizio del secolo la fortuna del genere aumentò sempre di più e furono numerosissimi gli autori che vi si accostarono. Ricordiamo Raymond Chandler (1888-1959), Rex Stout (1886-1975), padre di Nero Wolfe ed Agatha Christie (1890-1976) il cui primo romanzo, Poirot a Styles Court è del 1920.

Step 3 I luoghi di Arthur Conan Doyle

Edimburgo, Scozia

Targa commemorativa nel luogo natale

Una targa commemorativa in bronzo, installata il 22 aprile 1949, indica il luogo in cui nacque Conan Doyle, sul lato opposto rispetto a dove è posizionata: “Arthur Conan Doyle creator of Sherlock Holmes, was born at No.11 Picardy Place, formally opposite here, on 22nd May 1859”. Nei pressi del luogo si trova un pub che porta il nome dello scrittore.
Indirizzo: 11 Picardy Place, Edimburgo, Scozia

Targa commemorativa alla Edimburgh Medical School

Conan Doyle aveva studiato medicina in questa università dal 1876 al 1881. Sembra che uno dei suoi professori, Dr Joseph Bell, abbia ispirato il personaggio di Sherlock Holmes.
La targa recita: “In honour of Sir Arthur Conan Doyle 1859-1930 medical graduate of the university, author and creator of Sherlock Holmes”.
Indirizzo: Edinburgh Medical School, Teviot Place, Edimburgo

sherlock-holmes-931897_1920

Statua di Sherlock Holmes

Una statua che raffigura il celebre detective è stata installata in Picardy Place il 24 giugno 1991.
Indirizzo: 11 Picardy Place, Edimburgo, Scozia

The Arthur Conan Doyle Centre

Questo luogo porta il suo nome perché negli ultimi anni della sua vita Conan Doyle fu molto interessato allo spiritualismo, così da venirgli dedicato il centro.
Indirizzo: 25 Palmerston Place, Edimburgo

I luoghi di Sherlock Holmes

Londra

221B Baker Street, casa di Sherlock Holmes

221B Baker street è il famoso indirizzo dell’abitazione dove Sherlock Holmes visse tra il 1881 e il 1904. All’epoca dello scrittore, questo numero civico era puramente fittizio poiché in Baker Street non esisteva il numero 221 ma si arrivava fino al numero 85. In seguito la via è stata prolungata e nel 1932 si è stabilita al numero 221 la Abbey National Building Society. Nel 1990, è stato aperto un museo dedicato al personaggio creato da Arthur Conan Doyle tra i numeri 237 e 241.
Indirizzo: 237-241 Baker Street, Londra

Museo di Sherlock Holmes

Il museo dedicato a Sherlock Holmes è stato aperto nel 1990 in una casa georgiana che in passato era stata una pensione. Oggi è gestito dalla  Sherlock Holmes Society of England.
Il museo ricostruisce la casa di Sherlock Holmes come descritta nelle storie create dallo scrittore e presenta i classici oggetti quali la pipa, la lente  d’ingrandimento e il cappello. Al primo piano si trova lo studio di Sherlock Holmes, con la poltrona di fronte al caminetto come spesso si vede in molti film. Al secondo piano si trova la stanza della signora Hudson, la padrona di casa, e la camera dell’amico e collaboratore di Holmes, il dottor Watson. Al terzo piano si trova un’esposizione delle statue in cera che ricrea alcune scene tratte dai romanzi di Conan Doyle.
Indirizzo: 237-241 Baker Street, Londra

london-1029191_1280

Statua di Sherlock Holmes

Alla fermata della metropolitana “Baker Street”, uscita Marylebone Street, si trova una statua che rappresenta il detective realizzata da John Doubleday nel 1999.

St’Bartholomew’s Hospital

L’Ospedale di San Bartolomeo (St. Bartholomew’s Hospital, conosciuto anche come Barts) è stato fondato nel 1123. Nel laboratorio di chimica al suo interno, Holmes incontra Watson per la prima volta. Anche molti esterni della serie televisiva firmata BBC sono girati qui. Una targa commemorativa recita: “At this place New Years Day, 1881, were spoken these deathless words: “You have been in Afghanistan, I perceive” by Mr. Sherlock Holmes in greeting to John H. Watson, M.D., at their first meeting — The Baker Street Irregulars – 1953 by the amateur mendicants at The CaucusClub” .
Indirizzo: W Smithfield, Londra

Criterion Restaurant

Lo storico ed elegante Criterion Restaurant fu aperto nel 1874. In Uno studio in rosso, Watson, incontrerà qui Stamford, l’amico che gli presenterà Sherlock Holmes. “Il giorno stesso in cui ero giunto a questa conclusione, me ne stavo al Criterion Bar quando mi sentii battere su una spalla e, voltandomi, riconobbi il giovane Stamford che era stato mio assistente quando ero medico a Bart…”
Indirizzo: 224 Piccadilly, Piccadilly, Londra

La banca

La banca di Sherlock Holmes e Conan Doyle, si trovava all’angolo tra 125 Oxford Street e Wardour Street ed era stata fondata nel 1834. Anche altri due personaggi della saga di Sherlock la frequentano:   Neville St Clair (dal racconto L’uomo dal labbro spaccato nella raccolta Le avventure di Sherlock Holmes) e Arthur Cadogan West (dal racconto L’avventura dei progetti Bruce-Partington nella raccolta “L’ultimo saluto”).
Indirizzo: 125 Oxford Street, Soho, Londra

 

Francesca Tamani

È docente di lingua inglese e francese presso la scuola secondaria “ A. Chieppi” di Parma. Referente e docente per le certificazioni Esol University of Cambridge e Trinity College e per le certificazioni Delf con Alliance Francaise. Ha collaborato alla stesura del testo “Make it” per la scuola secondaria con Cambridge University Press. Fa parte di un gruppo di lavoro Miur “Orientamente” che cura la didattica per l’orientamento e la progettazione di strumenti didattici. Ha curato l’introduzione della didattica Clil come referente per le lingue all’interno di un progetto verticale.

 

 

Commenti