Perché i finestrini in aereo non sono quasi mai allineati con i sedili?

Perché i finestrini in aereo non sono quasi mai allineati con i sedili?

Posto finestrino oppure corridoio? Ognuno ha il suo preferito.
Avrete notato però che spesso, a bordo degli aerei, i finestrini non sono allineati al sedile del passeggero.
L’asimmetria è più o meno evidente a seconda del posto e del tipo di aereo.
Ma perché succede?
È possibile che quasi tutti gli aeromobili presentino questo errore oppure è una scelta voluta?
Non è sicuramente un errore di progettazione, dal momento che la struttura di qualsiasi aereo è attentamente studiata in ogni minimo dettaglio.
E allora perché?

Traveling to New York
In realtà quando le compagnie aeree ordinano un nuovo velivolo, o ne acquistano uno già esistente, nella fusoliera ci sono i finestrini ma non i sedili.
Ci sono però dei binari, che permettono di aggiungere questi ultimi in un secondo momento, secondo layout diversi, forniti dalle compagnie aeree: il cosiddetto seating plan.
Di fatto la scelta di posizionare i sedili in questo modo si basa più sul business che sulla scienza: in breve, ogni compagnia aerea può decidere quante file inserire all’interno della cabina con l’obbiettivo di ottimizzare lo spazio disponibile far salire quanti più passeggeri possibile.

LEGGI ANCHE TUTTE LE CURIOSITA’ SUGLI AEREI 

Togliere pochi centimetri tra una poltrona e l’altra, ha permesso alle compagnie aeree di guadagnare almeno una fila di posti aggiuntivi. Ecco perché spesso i sedili degli aerei non sono in corrispondenza dei finestrini.
Mentre la disposizione dei finestrini deve ovviamente seguire un rigore per mantenere la stabilità strutturale e quindi non può essere modificato.

Commenti