Il 4 luglio, The Independence Day

Il 4 luglio, The Independence Day

“Tutti gli uomini sono stati creati uguali, essi sono dotati dal loro Creatore di alcuni Diritti inalienabili, fra questi sono la Vita, la Libertà e la ricerca delle Felicità; allo scopo di garantire questi diritti, sono creati fra gli uomini i Governi, i quali derivano i loro giusti poteri dal consenso dei governati; ogni qual volta una qualsiasi forma di Governo, tende a negare tali fini, è Diritto del Popolo modificarlo o distruggerlo, e creare un nuovo governo, che ponga le sue fondamenta su tali principi e organizzi i suoi poteri nella forma che al popolo sembri più probabile possa apportare Sicurezza e Felicità.”

Il Diritto alla Felicità rende la Costituzione Americana un testo unico. Il 4 luglio è il giorno in cui si festeggia l’indipendenza degli Stati Uniti e la nascita di questa fondamentale carta dei diritti. Questa data è riconosciuta come festa nazionale durante la quale si commemora l’adozione della Dichiarazione di indipendenza avvenuta il 4 luglio 1776 con la quale 13 colonie si sono rese indipendenti dal Regno di Gran Bretagna.

Un lesson plan dedicato a questa festa può dare spunti interessanti e diversi tra loro.

Ice coffee in a tall glass with cream poured over and coffee beans. Cold summer drink on a blue rusty background with copy space

 Step 1 I simboli americano famosi in tutto il mondo

 Il primo passo per introdurre una lezione dedicata a questo giorno così importante per gli americani sarà quello di presentare i simboli e le tradizioni americane.

Sono tantissimi i riferimenti ai luoghi di attrazione turistica, al cibo, ai locali di tendenza e ai marchi che hanno reso l’America un mito. Le attività di approfondimento sono molteplici:

  • Lettura e traduzione in classe
  • Ricerche ed esposizioni orali
  • Video di presentazione creati dagli studenti
  • Ricerche a gruppi secondo il metodo del cooperative learning

I principali simboli che è possibile proporre. Approfondimenti:

  • La bandiera americana
  • Il Monte Rushmore
  • La Casa Bianca
  • La Statua della libertà
  • L’inno nazionale americano “ The Star Spangled Banner”
  • Mc Donald
  • Hollywood
  • Il Baseball
  • Super bowl
  • I Ponti: Brooklin Brige, Golden Gate
  • Cola cola
  • The Apple pie.

 Attività: sarà interessante coinvolgere la classe nella preparazione di un video in lingua inglese nel quale gli studenti dovranno presentare tutti i passaggi per la preparazione di questo dolce tipico americano

homemade apple pie  

Ingredients

1kg Bramley apples

140g golden caster sugar

½ tsp cinnamon

3 tbsp flour

225g butter

50g golden caster sugar

2 eggs

350g plain flour, preferably organic

softly whipped cream

  1. Put a layer of paper towels on a large baking sheet. Quarter, core, peel and slice the apples about 5mm thick and lay evenly on the baking sheet. Put paper towels on top and set aside while you make and chill the pastry.
  2. For the pastry, beat the butter and sugar in a large bowl until just mixed. Break in a whole egg and a yolk (keep the white for glazing later). Beat together for just under 1 min – it will look a bit like scrambled egg. Now work in the flour with a wooden spoon, a third at a time, until it’s beginning to clump up, then finish gathering it together with your hands. Gently work the dough into a ball, wrap in cling film, and chill for 45 mins. Now mix the 140g/5oz sugar, the cinnamon and flour for the filling in a bowl that is large enough to take the apples later.
  3. After the pastry has chilled, heat the oven to 190C/fan 170C/gas 5. Lightly beat the egg white with a fork. Cut off a third of the pastry and keep it wrapped while you roll out the rest, and use this to line a pie tin – 20-22cm round and 4cm deep – leaving a slight overhang. Roll the remaining third to a circle about 28cm in diameter. Pat the apples dry with kitchen paper, and tip them into the bowl with the cinnamon-sugar mix. Give a quick mix with your hands and immediately pile high into the pastry-lined tin.
  4. Brush a little water around the pastry rim and lay the pastry lid over the apples pressing the edges together to seal. Trim the edge with a sharp knife and make 5 little slashes on top of the lid for the steam to escape. (Can be frozen at this stage.) Brush it all with the egg white and sprinkle with caster sugar. Bake for 40-45 mins, until golden, then remove and let it sit for 5-10 mins. Sprinkle with more sugar and serve while still warm from the oven with softly whipped cream.

Recipe from Good Food magazine, October 2004

Mount Rushmore

STEP 2 Clil History: the U.S.A.

A seconda della classe che si ha di fronte è possibile presentare un periodo ampio, dalla nascita degli Stati Uniti fino ai giorni nostri, oppure, nel caso si voglia ridurre la lezione ai fatti più salienti e attinenti a questa commemorazione

Spunti e tematiche:

  • The History of the U.S.A.

Presentare un testo schematico che sintetizzi in modo chiaro le tappe fondamentali della storia americana.

  • L’introduzione alla storia americana può essere anche limitata alla presentazione di famosi presidenti che si collegano ai principali fatti storici
  • George Washington I padri fondatori: George Washington, Thomas Jefferson, James Madison, Benjamin Franklin
  • The american War of Independence
  • The Constitution
  • Abraham Lincoln
  • The end of slavery
  • The American civil war
  • The Gettisburg Address
  • Black History in the U.S.A, slavery and segregation – They fought against racism

La storia degli Afroamericani in America inizia con la schiavitù. Un giorno nel 1619 alcuni pirati britannici e Olandesi bloccarono una nave portoghese nell’Oceano Atlantico. Questa nave stava trasportando schiavi dall’Angola verso il Messico. I pirati decisero di portare gli schiavi in nord America. Sbarcarono in Virginia dove vendettero gli schiavi per ottenere cibo.

Da quel momento gli afro americani dovettero lottare per ottenere gli stessi diritti dei bianchi.

  • 1955 The Montgomery Bus Protest
  • 1963 The March on Washington
  • 1964 Civil rights act
  • 1965 The assassination of Malcolm x
  • 1968 The assassination of Martin Luther King
  • 2008 Barack Obama becomes the first afroamerican President
  • John F. Kennedy
  • Famous speech “ Don’t ask what your country can do fo you, ask what you can do for your country”
  • The cold war
  • The Vietnam War
  • The first man on the moon ( un contributo interessante può essere fornito dalla visione del Film “Il diritto di contare”)

First Man On The Moon Stamp

STEP 3: Clil Geography: The U.S.A.

“ a vederla ora, sembra ancora una terra selvaggia e improduttiva, ma gli esperti sostengono che, non appena sarà adeguatamente irrigata , vi crescerà presto tanto grano da potrà sfamare il mondo intero” (W.W)

Il nostro lesson plan a questo punto potrà dare ampio spazio alla metodologia Clil e affrontare un approfondimento di geografia sugli Stati Uniti. Sottoporre alla classe documenti e testi legati agli aspetti fisici e politici del territorio, approfondire magari anche la conoscenza delle principali città americane e dei luoghi di maggiore interesse

Di seguito propongo un testo tratto da “ Culture and Clil” ed Celtic publishing

  • The USA is a federation of 50 states. These include Alaska, north-west of Canada, and Hawaii, in the Pacific Ocean. The states are represented by 50 stars on the American flag, while the 13 stripes represent the original 13 states. The USA has a population of 325 million and covers an area of 9.2 million square kilometres, which explains its variety of landscapes, climates and four different time zones (4). Most people speak English; American English is like British English, but with a few differences in pronunciation, spelling and vocabulary. Many people also speak Spanish and other languages. The national currency is the US dollar. The capital city is Washington DC (DC stands for “district of Columbia”). The USA is a Federal Republic and the president is elected every four years.

NEW YORK, The big Apple

New York is the biggest city in the USA and one of the biggest in the world, with a population of about 8 million people from different ethnic groups. Its first inhabitants were the native Americans who lived on the island of “Manhatin”, or “hilly island”. Giovanni da Verrazzano arrived here in 1524, but the first Europeans to settle were the Dutch in 1625.

They named the island “New Amsterdam”, but it was renamed after the arrival of the British, who became its owners in 1664. They called it “New York” in honour of the Duke of York.

New York is divided into five boroughs: Manhattan, Brooklyn, The Bronx, Staten Island and Queens. Many of the places of interest are in Manhattan, which is divided lengthways into Downtown, Midtown and Uptown and across into Manhattan East Side and Manhattan West Side.

  • “Culture and Clil”ed. Celtic Publishing

Time square. New York

Approfondimenti:

Il meltin’ pot e la società multietnica

The USA is a multicultural nation often described as a “melting pot” society. In fact, US history is one of immigration: the country attracted people from all over the world in search of a better life.

In 1620 the Pilgrim Fathers, religious dissenters from England, arrived in Massachusetts and settled there. During the 1800s, immigrants came from Germany, Ireland, the Netherlands, Spain, Italy and many other European countries

The USA also has a large African-American population who are descendants of the slaves who came from Africa to work on the cotton and tobacco plantations in the 16th and 17th centuries. In the 20thcentury many people came from Asia and Hispanic countries such as Mexico, Cuba and Puerto Rico.

The USA is still a land of immigration for a people in search of a better life and, unlike European countries, it is a young country with a young culture, based on different nationalities, ideas and religions all living and working together. The idea of the melting pot is challenged by that of the “salad bowl”, according to which the immigrants should retain their own national characteristics while integrating into a new society.

“Culture and Clil” ed. Celtic Publishing

 images

STEP 4: Il 4 luglio nella letteratura, nella musica e nel cinema

“Born down in a dead man’s town

The frist kick I took was when I hit the ground”

Bruce Springsteen

 

“Born on the 4th of july” è un romanzo scritto da Ron Kovic con prefazione di Bruce Springsteen.

Il libro fu pubblicato per la prima volta nel 1978 e nel 1989 venne tratto l’omonimo film interpretato da Tom Cruise.

Nel libro l’autore racconta l’esperienza vissuta durante la guerra in Vietnam. All’inizio egli esprime entusiasmo e convinzione, poi, da sostenitore ne diventa un feroce critico. Tornato dal fronte, infatti, egli, viene relegato ai margini della società senza nessun riconoscimento, nonostante in seguito ai combattimenti fosse rimasto paralizzato a vita

Approfondimenti:

  • Bruce Springsteen “ Born in the U.S.A”
  • “Born on the 4th of July” film, 1989
  • “Il Patriota” film, 2000

 

Francesca Tamani

È docente di lingua inglese e francese presso la scuola secondaria “ A. Chieppi” di Parma. Referente e docente per le certificazioni Esol University of Cambridge e Trinity College e per le certificazioni Delf con Alliance Francaise. Ha collaborato alla stesura del testo “Make it” per la scuola secondaria con Cambridge University Press. Fa parte di un gruppo di lavoro Miur “Orientamente” che cura la didattica per l’orientamento e la progettazione di strumenti didattici. Ha curato l’introduzione della didattica Clil come referente per le lingue all’interno di un progetto verticale.

Commenti